Bende e Manette: è la nuova moda, baby

CRONACHE IRREALI/16

In poche settimane diventò lo status symbol, gadget immancabile di ogni persona elegante e distinta, così qualificata sulla base dei nuovi canoni della moda imposta dal Leader del Popolo, tutti “Rutti, Sputi & Rock and Roll”.

La benda sugli occhi e le manette, per legare le mani dietro alla schiena, furono introdotte nella procedura standard di ogni controllo di polizia e il Popolo Perbene ne fu entusiasta tanto da reclamare subito l’aggiunta standard (senza supplemento) di qualche bel ceffone, manganellata sugli stinchi e, d’estate, anche un po’ di rinfrescante waterboarding. “Macché tortura”, precisò il ministro degli Inferni: perfino a Guantanamo era consentito.

Fini giuristi a caccia di qualche poltrona di sottogoverno, o forse solo di uno straccio di consulenza ben retribuita, avevano sdoganato da tempo le violazioni dei diritti umani, sostenendo che in Siria i campi di concentramento ci sono e funzionano bene; che in Russia i giornalisti li ammazzano e in Turchia li sbattono in galera. Non ci sarà mica nulla di male a lasciare un sospettato in mezzo alla neve, nudo tutta la notte per indurlo a confessare?

Il Popolo Perbene Ossannante reclamava a gran voce sanzioni severe, gogna immediata, botte da orbi per chiunque fosse etichettato come brutto e cattivo. “Nessuna pietà! ‘Ste merde meritano di marcire in galera!!!”, urlavano i cittadini, plaudendo al nuovo corso di Giustizia Sommaria varato dal Leader senza Scrupoli.

Peccato che l’etichetta, sempre più spesso, veniva affibbiata a caso, anche a chi era (o riteneva di essere) Bello e Buono. Sempre più spesso all’avversario di turno, ma anche al primo soggetto casualmente di passaggio durante la rapina, trattato da capo espiatorio e arrestato per tranquillizzare l’opinione pubblica. E ancora allo Straniero Inquietante, all’Intellettuale Comunista, all’Impiegato troppo solerte, al funzionario che ancora si ostina ad applicare la legge uguale per tutti…

Per i Cittadini Perbene, ebbri della Propaganda ministro dell’Inferno, il risveglio fu amaro: i loro figli picchiati senza motivo durante i normali controlli stradali; le mogli ammanettate al termosifone per aver risposto male al questurino di turno; le amanti interrogate a suon di sani, educativi ceffoni, con una bella benda fucsia sugli occhi.

“E’ per il Vostro bene – fu spiegato – Così fanno tutti i buoni padri di famiglia”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

GOOD NEWS, il blog di Gianluca Amadori

"Il cinico non è adatto a questo mestiere" - Ryszard Kapuscinski

marcellocomitini

il disinganno prima dell'illusione

nicolopolesello.wordpress.com/

L'ultimo uomo sulla terra continuerebbe comunque a raccontare storie?

Sbetti

Ribelle di nascita

Carlo Felice Dalla Pasqua

Mu. Has the dog Buddha-nature?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: